Il vento, l’orientamento e la rosa dei venti.

Il vento è un fenomeno naturale che consiste nel movimento ordinato, quasi orizzontale, di masse d’aria, da un’alta pressione verso una bassa pressione. Il flusso d’aria non corre in maniera diretta da un punto all’altro, ma subisce una deviazione dovuta alla forza di “Coriolis”(forza prodotta dalla rotazione terrestre). Il vento si misura con uno strumento chiamato anemometro e l’unità può essere espressa in: m/s,km/h,nodi (metri al secondo, chilometri all’ora, nodi). Esistono venti geostrofici (di alta quota) e venti di superficie; venti detti periodici come gli alisei, che soffiano a cicli annuali a causa del diverso riscaldamento stagionale delle terre e degli oceani, oppure venti locali come le brezze, che soffiano a cicli giornalieri a causa del diverso riscaldamento del mare rispetto alla terra, e viceversa, rispettivamente se di giorno o di notte.

Nel mediterraneo, i venti principali vengono rappresentati schematicamente in relazione alla loro provenienza. Immaginiamo la “Rosa dei Venti” posta nel mar Ionio:

NORD, Tramontana – vento freddo provenente da settentrione. Può verificarsi a cielo sereno, nuvoloso o con precipitazioni. Chiamato anche “borea”, da non confondere con la bora.

NORDEST, Grecale –  il vento è così denominato perché, dal punto di riferimento della rosa dei venti è in corrispondenza della Grecia. Si sente particolarmente nel tirreno e alto adriatico.

EST, Levante – vento che proviene da est, dove “leva il sole”, cui è attribuito il nome. E’ un vento fresco, umido, porta precipitazioni e nebbia. La sua influenza in Italia si fa sentire sul tirreno. Soffia fra luglio e ottobre.

SUDEST, Scirocco – proveniente dalla Siria, è un vento caldo che secca l’aria e porta polvere dal Nordafrica. Lo avvertiamo di frequente in primavera e in autunno e di solito soffia a terzine, di tre giorni in tre giorni.

SUD, Ostro – chiamato anche “mezzogiorno” proprio per indicare il punto cardinale da dove proviene. È un vento caldo e umido portatore di piogge ed è spesso confuso con lo scirocco o libeccio.

SUDOVEST, Libeccio – vento proveniente dalla Libia. Nell’Italia meridionale è conosciuto per il calore che porta con sé, ma soprattutto per la sabbia, proveniente dal deserto del Sahara.

OVEST, Ponente – la denominazione è conferita dal punto cardinale dal quale soffia, dove “pone il sole”. Si presenta come brezza nella stagione estiva, mentre in inverno diventa moderato o forte, agitando i mari.

NORDOVEST, Maestrale – vento proveniente dalla regione Provenza, in Francia, attraversa il golfo del leone da cui prende il nome “Mistral”. E’ un vento freddo e umido, predominante nel bacino occidentale del mediterraneo. Può durare da 24 ore fino a 6 giorni, riuscendo a portare sempre i mari in tempesta.

rosa

Mi raccomando: non fischiare al vento se non vuoi che soffi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...